Futuro di Inisero Cremaschi

Futuro è un libro unico e irripetibile, così come sono irripetibili gli anni ai quali si riferisce (1962-1964), quando l’omonima rivista Futuro viveva la sua breve e folgorante vicenda. Era un periodo di iniziative e di fermenti che portarono a quella che è stata poi definita «la linea italiana della fantascienza». Specchio e rievocazione di quel momento, il presente volume ne registra la cronaca attraverso episodi e personaggi oggi essenziali nella nostra narrativa d’anticipazione. Per merito dei «pionieri» di Futuro, a cominciare da Lino Aldani che ne era il direttore, la fantascienza di casa nostra non è più uno «scandalo», ma una felice e concreta realtà. Inìsero Cremaschi, uno dei protagonisti di quella vicenda, racconta in modo brillante e obiettivo le fasi di un dibattito che tendeva a qualificare la science fiction, e non solo quella italiana, come una tipica e nobile espressione narrativa della nostra società neoindustriale. Cremaschi presenta i migliori racconti apparsi su Futuro, alternandoli con la cronistoria e illuminando la personalità di autori come Giulio Raiola, Maurizio Viano, Massimo Pandolfi, Piero Prosperi, e di scrittori che in seguito si sono dedicati con successo al romanzo, come Lino Aldani, Gustavo Gasparini, Anna Rinonapoli e Gilda Musa. La selezione narrativa di Futuro comprende anche racconti quasi introvabili, come Buona notte Sofia di Aldani o Il quinto punto cardinale dello stesso Cremaschi. Accanto ai racconti della sezione narrativa, testimonianze di un periodo tempestoso ed «eroico», l’Appendice riunisce le interviste con scrittori – Elio Vittorini, Libero Bigiaretti o Mario Soldati – raccolte dai redattori della rivista, come riprova che la fantascienza del gruppo di Futuro ha sempre giocato ad armi pari con la narrativa tradizionale.

Editore: NordPrezzo: L. 4.000
Collana: SF Narrativa d’AnticipazioneCopertina flessibile
348 pagineIn vendita da novembre 1978

Inìsero Cremaschi

Scrittore e giornalista pubblicista, è uno dei più quotati studiosi italiani di fantascienza. Si occupa della sezione italiana presso l’editrice Nord. Come autore, ha pubblicato su giornali e riviste un centinaio di racconti, mai editi in volume, oltre al romanzo Dossier extraterrestri (1978) in collaborazione con Gilda Musa. Ha recentemente curato l’antologia Universo e dintorni, con un esauriente saggio storico sulla SF italiana. In campo non fantascientifico, si è affermato con i romanzi Pagato per tacere (1962), Cuoio nero (1970) e Le mangiatrici di ice-cream (1973). Ha al suo attivo anche una decina di sceneggiature televisive, tra cui la riduzione di A come Andromeda di Hoyle che ha segnato l’ingresso della fantascienza nella televisione italiana.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × uno =