Base Hawksbill di Robert Silverberg

Il 1984 è arrivato e passato ma esistono ancora dei rivoluzionari che si dedicano ad attività sovversive e tramano la ribellione contro il Governo Sindacalista, la dittatura che si è instaurata negli Stati Uniti. Come tutti i governi totalitari, anche questo del 2006 ha bisogno di una prigione sicura in cui spedire i più pericolosi prigionieri politici. E non la scoprirà in una remota zona del mondo, né in qualche distante galassia, ma nel lontanissimo passato, nel periodo Cambriano, un’era separata da un miliardo d’anni dal presente. L’invenzione di una macchina del tempo che consente un viaggio senza ritorno nel passato permette al governo di liberarsi dei suoi oppositori spedendoli in un viaggio di sola andata in un luogo e in un tempo dove non avranno nessuna possibilità di nuocergli ancora. E gli esuli, imprigionati in un mondo senza vita, un mondo di rocce nude e levigate dove esistono soltanto pesci primordiali, e separati da tutti i
loro cari e da tutti i contatti con la vita passata, da una muraglia temporale più invalicabile di qualsiasi parete materiale, conducono un’esistenza senza speranza e vanno perdendo poco per volta la sanità mentale. Finché non arriva Lew Hahn, un giovane strano e misterioso, un uomo che viene dal futuro ma che sembra non sapere nulla del mondo da cui proviene.

Editore: NordPrezzo: L. 3.000
Collana: SF Narrativa d’AnticipazioneCopertina flessibile
172 pagineIn vendita da giugno 1979

Robert Silverberg

È unanimemente riconosciuto come uno dei più grandi autori della fantascienza contemporanea. Ha iniziato a scrivere agli inizi degli anni cinquanta, non ancora ventenne, ed è presto diventato uno degli autori più prolifici e amati dal pubblico. Nel 1956 ha vinto il premio Hugo come miglior autore esordiente; nel 1968 lo ha rivinto con Ali della notte, pubblicato dalla Nord nella Fantacollana. Nel 1972 e nel 1975 gli è stato assegnato il premio Nebula dall’associazione degli scrittori americani di fantascienza. Autore, di innumerevoli libri di divulgazione scientifica e di moltissimi romanzi di sf. Silverberg ha prodotto le sue opere più mature dal 1965 in poi. Tra gli scritti più importanti di questo periodo di maggiore impegno, ricordiamo Brivido crudele (Cosmo Argento n. 15), Torre di cristallo (Cosmo Argento n. 25), Mutazione (Cosmo Argento n. 85), Oltre il limite e Shadrach nella fornace (pubblicati sempre dalla Nord in questa collana di Narrativa d’Anticipazione).

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × cinque =