Alla fine dell’arcobaleno di Frederik Pohl

Un gruppo di giovani americani sono stati selezionati per prendere parte al primo viaggio interstellare verso un nuovo pianeta, appena scoperto, di Alpha Centauri. Il viaggio durerà anni, e quindi il direttore del progetto, il dottor von Knefhausen, ha organizzato un complesso programma educativo allo scopo di allontanare da loro la minaccia della noia e della follia. Potrebbe sembrare uno dei soliti romanzi sui viaggi interstellari, e invece no. Perché il grande Fred ha qui ribaltato completamente i termini della questione. Il progetto spaziale per Alpha Centauri non è altro che una terribile beffa giocata ai danni dei giovani astronauti. Il pianeta verso cui stanno viaggiando non esiste: la loro vera destinazione è la morte. Il vero progetto consiste nel programma educativo: la loro astronave è un laboratorio deliberatamente isolato, in cui von Knefhausen spera di stimolare l’equipaggio verso ricerche scientifiche e scoperte impossibili sulla Terra. E il piano di von Knefhausen avrà in effetti successo; ma un successo che andrà al di là anche delle più folli aspettative e si ritorcerà contro gli autori del cinico complotto in maniera totalmente inaspettata!

Editore: NordPrezzo: L. 6.000
Collana: SF Narrativa d’AnticipazioneCopertina flessibile
216 pagineIn vendita da settembre 1983

Frederik Pohl

È un autore fondamentale nell’evoluzione del genere fantascientifico. Scrittore, agente letterario, curatore di riviste fin dagli anni quaranta, Pohl ha rappresentato un punto focale nella cosiddetta fantascienza sociologica degli anni cinquanta con le sue estrapolazioni politiche ed economiche, ricche di frizzante e pungente ironia. Recentemente, dopo molti anni di inattività, Pohl ha ripreso a scrivere, modificando completamente il suo stile e la sua tecnica narrativa e dimostrando, con opere come Uomo più, Jem, La porta dell’infinito, Oltre l’orizzonte azzurro, e questo Alla fine dell’arcobaleno, di essere ancora uno dei massimi talenti della sf.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + 8 =