Atti casuali di violenza insensata di Jack Womack

Per il suo dodicesimo compleanno, Lola ha ricevuto in regalo un diario, «Perché così potrai ricordarti di come è bella la vita anche quando non ti sembrerà più che lo sia». E, va da sé, la madre pensa alle vicissitudini di un’esistenza normale. Ma nulla è normale nella New York che Jack Womack tratteggia sospingendo l’azione in un immediato e non improbabile futuro: i presidenti, assassinati, si succedono l’uno all’altro e la città è militarizzata. Il diario di Lola registra con puntualità gli eventi che premono sempre più da vicino sulla sua famiglia: il collasso economico, il trasloco dalla raffinata Park Avenue agli slum di Harlem, la disperazione di un padre sceneggiatore costretto a lavori sempre più umilianti, la depressione della madre, le crescenti nevrosi infantili della sorellina. Parallela alla discesa agli inferi sociale ed economica della famiglia Hart scorre la vita di Lola, in una metamorfosi dalle piccole diatribe di una scuola media privata femminile alle bande giovanili del ghetto afro-ispanico, in un costante interrogarsi sulla sua sessualità, pronta infine a saltare il fosso e a passare fra quei marginali che non hanno più speranza di ritorno nella cosiddetta società civile. Paradossale Anna Frank del Duemila, nelle paginette del suo diario Lola incide prima i giochi da bambina, poi lo sgomento, infine il dolore e la rabbia di un’infanzia che si sgretola e rinasce, gergale e violenta, armata di cinismo, per affrontare i mostri metropolitani.

Editore: Meridiano ZeroPrezzo: € 16,00
Collana: I taglientiCopertina flessibile
ISBN: 9788882372644In vendita dal 23 gennaio 2013
294 pagine

Jack Womack

Nato a Lexington, in Kentucky, nel 1956, appartiene alla generazione cyberpunk di W. Gibson. Trasferitosi a New York, mantiene la coscienza delle sue radici nel Sud rurale attraverso la vivida percezione del sadismo e della violenza sociale prodotti dalla schiavitù. Tra passato e presente futuribile, ritrae il declino di metropoli congestionate, la lotta perversa tra multinazionali e lobby dell’informazione in racconti multiprospettici, che producono climi distopici (Futuro Zero, Ambient, 1987; Atti casuali di violenza insensata, Random Acts of Senseless Violence, 1994; Andare, andare, andato, Going, going, gone, 2000, nt; Elvissey, 1993, nt).

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 6 =