Universo Speciale: Tecnomagia a cura di Giorgio Sangiorgi

Apriamo questo numero, che presenta un mix equilibrato di fantascienza e di fantastico con un racconto di Giovanni Mongini, anche per festeggiare la sua entrata nel nostro team. Carmine Cassese ci ha regalato ben due racconti, uno dei quali, Sophi, sembra una sorta di seguito del suo racconto pubblicato nel numero precedente di SS. Due racconti anche dal nostro poeta slavo Zupanovic, con le sue visioni intrise di una religiosità sofferta e ieratica. New entry per Short, sono Joe Manzera, Simone Orlandi, Nicola Contarini, con racconti che spingono la nostra rivista anche nei territori del fantasy. Mentre un vago sentore horror pervade il racconto di Sandro D. Fossemò, che dall’anno scorso prosegue la collaborazione con la nostra rivista. Non poteva mancare un racconto del nostro editor Sangiorgi, che ci mostra un possibile sviluppo di una società da cui è stata bandita ogni forma di povertà e le persone non hanno neanche più bisogno di lavorare. Chicche finali e abbastanza inusuali per la nostra rivista, il racconto di un gigante della fantascienza e il resoconto di un viaggio singolare che interesserà gli appassionati. Edmondo De Amicis, il famoso autore del libro Cuore, si reca in un inaspettato pellegrinaggio in Francia, ad Amiens, per incontrare… Giulio Verne. No, non si tratta di un’ucronia steampunk, ma del vero resoconto del loro storico e toccante incontro (dalla Prefazione).

Editore: Edizioni ScudoPrezzo: € 2,69
Collana: UniversoEbook
121 pagineIn vendita dal 12 maggio 2021

Sommario

Prefazione
Una piccola nuvola bianca di Giovanni Mongini
Mother di Carmine Cassese
Apocalisse di Milenko Zupanovic
Il robot-figlio di Joe Manzera
Indices animi oculi di Nicola Contarini
Sophi di Carmine Cassese
Una vita vuota di Giorgio Sangiorgi
La battaglia dei diciassette di Emilio Cardaropoli
Il bacio di Arlecchino di Sandro D. Fossemò
Quando i sogni si avverano di Simone Orlandi
Visioni del deserto di Milenko Zupanovic
Mizirian il mago di Jack Vance
Una visita a Giulio Verne di Edmondo De Amicis
Biografie brevi

Giorgio Sangiorgi

Nato a Forlì il 26 luglio 1957, è laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (D.A.M.S.) all’Università di Bologna, con una tesi sul movimento nelle arti grafiche e nel fumetto, I disegni che vivono. Proprio col fumetto inizia il suo interesse per le attività artistiche. Giovanissimo vince, in collaborazione con Paolo Merisi e Roberto Celano, il concorso per cartoonist “FUMETTIAMO I LIGURI”, indetto dall’E.R.G.A. di Genova. In seguito pubblicherà L’Antologia Patafisica, una versione a fumetti delle opere di Alfred Jarry. Negli anni settanta comincia a interessarsi all’opera di Sri Aurobindo, che lo porta a studiare con interesse le discipline spirituali orientali e occidentali, ma alla quale resterà legato. Dagli anni ottanta, infatti, collabora attivamente con l’Istituto di Ricerche Evolutive di Roma e con l’Associazione di Agenda Italia, partecipando in varie vesti alla realizzazione di iniziative con lo scopo di far conoscere in Italia l’opera di Sri Aurobindo e Mère. In quegli anni collabora col regista Davide Montemurri alla realizzazione di produzioni televisive, radiofoniche e teatrali. Contemporaneamente si dedica sempre più all’attività di romanziere, cercando di elaborare uno stile che utilizzi le metodologie della fantascienza, ma prediligendo soprattutto i temi legati allo sviluppo della coscienza. Nell’89 vince il concorso Vaga la fantasia, organizzato dal quotidiano La Repubblica, con il racconto intitolato Un’altra macchina del tempo (sceneggiato e trasmesso da RAI3 Emilia Romagna) e contemporaneamente inizia a collaborare alla rivista Futuro Europa, della Perseo Libri, che pubblica i suoi romanzi di fantascienza, Friaria, Dissolvenza, Tempio, altri racconti brevi e saggi sul fumetto fantastico. Nel 1995 vince il “VI Premio Navile” con il romanzo Il cercapersone, pubblicato dalla Moby Dick nella collana dello Zelig. Nel 2005 pubblica, sempre con la Perseo Libri, il romanzo La foresta dei sogni perduti segnalato al Premio Italia 2006. Il 2007 è un anno fecondo di avvenimenti, perché insieme ad Armando Corridore fonda la casa editrice Elara, con l’intento di continuare l’opera di divulgazione della fantascienza iniziata da Libra Editrice e poi da Perseo Libri. Contemporaneamente, insieme a Luca Oleastri, inizia una parallela attività su Internet, con la sigla di Editoriale Scudo, che fa nascere le molte testate, tra cui Short Stories e Long Stories.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 14 =