Il meccanismo della forchincastro di Fabrizio Venerandi

Ci sono molte norme che voi civili dovete tenere a mente se desiderate che il nostro reparto e in generale il Comitato vi lasci in pace: molti civili vivono la loro vita serenamente e nonostante la quarantena si può vivere relativamente bene, senza rinunciare a quei piccoli lussi che si avevano nel periodo prima della malattia. La prima regola è: “state tranquilli”, nessuno del Comitato ha qualcosa contro di voi, almeno non personalmente. La seconda regola è: “non vi lasciate mai andare, perché non sapete il momento in cui il Comitato busserà alla vostra porta”. La terza regola è: “se non sapete qualcosa, chiedetela al Comitato”. Ma ricordate anche la quarta: “mai disturbare il Comitato quando non è necessario”. Seguite queste regole e non dovrete mai scoprire sulla vostra pelle cos’è e come funziona la forchincastro. Per la prima volta vede la luce il leggendario romanzo di un autore di culto.

Editore: Delos DigitalPrezzo: € 16,00 / € 4,99
Collana: Odissea FantascienzaCopertina flessibile / Ebook
ISBN: 9788825417067In vendita dal 6 luglio 2021
264 pagine

Fabrizio Venerandi

Quella di “scrittore” per Fabrizio Venerandi è una definizione decisamente riduttiva. Forse sarebbe più adatta quella di “esploratore e sperimentatore della comunicazione”. Nato e residente a Genova, è sposato e ha tre figli. Blogger, poeta, narratore, videoautore, performer, è anche uno dei maggiori esperti italiani sugli ebook, settore nel quale opera sia come editore (Quintadicopertina) sia come docente in corsi specializzati. Nel 1990 ha creato la prima fiction interattiva multiutente (MUD) su Videotel. Dal 2003 al 2006 ha pubblicato sulla rivista MacWorld una serie di brevi racconti autobiografici, Io e Ce. Ha pubblicato una decina di volumi, tra i quali il romanzo ipertestuale Chi ha ucciso David Crane? e il romanzo di ricordi degli anni ottanta PÈCMÉN.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =