Le sabbie di Marte di Arthur C. Clarke

La prima nave di linea regolare fra i pianeti, l’Ares, è al suo viaggio inaugurale. Porta su Marte, tra gli altri, lo scrittore di fantascienza Martin Gibson, che sarà testimone delle dure lotte dei pionieri per colonizzare il pianeta: un mondo quasi privo di vegetazione e poverissimo di ossigeno, sul quale uomini coraggiosi combattono per rendere migliore quella che considerano la loro nuova patria. Pubblicato nel 1951, dieci anni prima del volo di Gagarin, e già l’anno seguente tradotto in Italia per inaugurare la gloriosa collana “Urania”, “Le sabbie di Marte” è un romanzo visionario e avvincente che ha saputo anticipare gli sviluppi tecnologici e scientifici dei decenni successivi. Clarke dimostra di essere non solo uno straordinario profeta dei viaggi spaziali, ma anche, e soprattutto, un grande scrittore, capace di restituirci con mirabile immediatezza la suspense e l’emozione del viaggio di esplorazione, la piccolezza delle ambizioni umane trapiantate sul nuovo pianeta e la grandezza d’animo dei pionieri della colonizzazione marziana.

Editore: MondadoriPrezzo: € 12,00
Collana: Oscar FantasticaCopertina flessibile
ISBN: 9788804741411In vendita dal 7 luglio 2021
204 pagine

Arthur C. Clarke

Nato a Minehead (Somerset) nel 1917 e deceduto a Colombo (Sri Lanka) nel 2008, è stato uno dei più importanti scrittori di fantascienza. È celebre soprattutto per la serie Rama e per 2001: Odissea nello spazio (1968), romanzo omonimo del film di Stanley Kubrick, scritto dallo stesso Clarke e ispirato al suo racconto La sentinella. Appassionato di tecnologia, durante la Seconda guerra mondiale ha contribuito al perfezionamento dei radar e in seguito si è occupato di satelliti per telecomunicazioni. È autore di tantissimi racconti e di decine di romanzi che ne fanno uno dei grandi autori della “fantascienza classica”

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + 16 =