Contaminazioni a cura di Vittorio Piccirillo

La fantascienza e il fantastico costituiscono la punta di diamante della narrativa di anticipazione. Da sempre la loro missione è quella di prospettarci presenti paralleli e futuri alternativi. In passato hanno cercato di mostrarci come sarebbe potuta essere una pandemia e quali ripercussioni avrebbe potuto avere sulla civiltà e sull’umanità stessa, mettendoci in guardia, incoraggiandoci a prevenire la catastrofe prima che accadesse. Ora che la pandemia si è verificata davvero, la missione è diventata provare a mostrare cosa potrebbe succedere dopo, a proporre soluzioni a un problema che appare irrisolvibile, a prospettare vie di uscita da una situazione che sembra non averne. Una sfida importante che gli autori di questa antologia hanno deciso di accettare, elaborando la tematica in maniera originale. Hanno preso i personaggi dei loro romanzi e li hanno posti nella stessa situazione: nei loro universi si scatena una pandemia, che va affrontata e sconfitta con tutti i mezzi a disposizione. Quattordici autori per tredici storie con altrettanti mondi possibili, alle prese con l’impossibile che all’improvviso diventa realtà, obbligati a sostenere una battaglia che non possono perdere.

Editore: Tabula FatiPrezzo: € 12,00
Collana: Le ali della fantasiaCopertina flessibile
ISBN: 9788874759873In vendita dal 22 luglio 2021
152 pagine

Sommario

Massimo Acciai Baggiani, Il vecchio
Maddalena Antonini, La fine di Mall
Silvia Banzola, Il nemico invisibile
Maurizio J. Bruno, C.O.V.I.D.
Andrea Coco, Ippocrate
Giulia Massini, Yaki – L’era del morbo
Emiliano Mecati e Alessio Seganti, Il destino di Jast Island
Carlo Menzinger di Preussenthal, Supposte ucroniche
Sandra Moretti, Anno 2820: La grande pandemia
Annarita Stella Petrino, Sacrificio
Vittorio Piccirillo, Un futuro diverso
Pierfrancesco Prosperi, Letto 224
Enrico Zini, Il fuoco di Setheos

Massimo Acciai Baggiani

Nato a Firenze nel 1975, si laurea in lettere con una tesi sulla comunicazione nella fantascienza. Glottoteta, attivo nel movimento esperantista, nel 2003 fonda la rivista online “Segreti di Pulcinella”. È redattore della rivista “L’area di Broca” e membro del Gruppo Scrittori Firenze. È autore di romanzi e racconti, poesie e testi di canzoni, saggi e articoli vari, pubblicati sia in cartaceo che online, tra i quali ricordiamo: Sempre ad est (Faligi, 2011), La compagnia dei viaggiatori del tempo (Abeditore, 2017), La trilogia delle radici (Porto seguro, 2017-2020), Un fiorentino a Sappada (Lettere animate, 2018). Il racconto Il vecchio è ambientato nel mondo ucronico dell’antologia multiautore Sparta ovunque (Tabula fati, 2020).

Maddalena Antonini

Vive e lavora a Trieste. È da sempre appassionata di fantascienza, con una speciale predilezione per l’opera di Philip K. Dick. Ritiene che la fantascienza sia il genere letterario che offre la massima libertà creativa, permettendo di muoversi in qualsiasi dimensione dello spazio, del tempo, della psiche umana e non umana. Ha pubblicato la raccolta Futuro interiore: 11 visioni nell’Era della Legge Commerciale (Albatros, 2012); il romanzo I Girasoli di Shaah-Mall-A (Tabula fati, 2017); il racconto “Il Determinatore” sulla rivista “Dimensione Cosmica” (Tabula fati, 2018), e nell’antologia Altri Futuri (Delos Digital, 2019”. Il racconto La fine di Mall è ambientato nel contesto del romanzo I Girasoli di Shaah-Mall-A.

Silvia Banzola

Nasce nel 1984 a Faenza. Nel 2009 consegue la laurea in Scienze Ambientali presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Bologna. Oggi è titolare di un’attività di erboristeria e sanitaria a Cotignola. Ha pubblicato un racconto nell’antologia Impronte d’amore (Butterfly Edizioni, 2013); i romanzi Kate e il regno dimenticato: Amici e nemici (Tabula fati, 2017) e Kate e il regno dimenticato: Gli Eredi (Tabula fati, 2018). Il racconto Il nemico invisibile è ambientato nel mondo di Kate e il regno dimenticato.

Maurizio J. Bruno

È un ingegnere e scrittore campano che, dopo aver girato il mondo per quindici anni come progettista di dispositivi elettronici per l’Olivetti, oggi vive e lavora a Rieti come manager dello sviluppo nuovi prodotti per una importante azienda Italiana, leader mondiale nel proprio settore industriale. Da sempre, però, ha affiancato alla sua carriera tecnica quella di scrittore di libri d’azione e di avventura, con una profonda attenzione alla psicologia dei personaggi e ai loro rapporti interpersonali. Dalla sua penna sono usciti il thriller tecnologico RALF (Tabula fati, 2020), col quale ha anche vinto un concorso letterario nazionale, l’avventura spaziale e introspettiva EDEN (Tabula fati, 2016), il vademecum per scrittori esordienti Il Filo d’Inchiostro (Tabula fati, 2007) scritto con Piera Rossotti Pogliano, e il romanzo d’azione VELI (Solfanelli, 2017). Ha scritto e scrive tuttora anche per diverse riviste e giornali. Il racconto C.O.V.I.D. è ambientato nel contesto del romanzo RALF.

Andrea Coco

Nasce nel 1964 a Roma, dove vive con la moglie e due figli. Tra il 2005 e il 2011 ha pubblicato alcuni racconti di fantascienza sulla rivista Futuro Europa (Elara Libri, già Perseo Libri) e sulla rivista “IF – Insolito e Fantastico” (Tabula fati). E tra il 2015 e il 2017 altre opere per la rivista “Fondazione SF Magazine”. Tra le sue pubblicazioni: il romanzo breve Doppio inganno (in M – Rivista del mistero, 2008); il racconto di fantascienza gastronomica Operazione Ambrosia (in Un calice di soli, un piatto di pianeti, Edizioni Della Vigna, 2011); il racconto noir Sette parole bianche e sette parole nere (in Le Vendicatrici, Cut Up, 2013); il racconto Benvenuto nel mondo reale (in Matrix Anthology, Homo Scrivens, 2014); il racconto Gran Finale per l’edizione del decennale di NASF (Nuovi Autori di Science Fiction, 2014); il racconto Il Testimone (in Tango Argentino, Morellini Editore, 2015); la ghost story Festa con sorpresa (in Allucinazioni urbane, Edizioni l’Erudita, 2016); il racconto di fantascienza Il (non) dilemma di Benedetto XVII (in Faximile 101, Homo Scrivens, 2016); il racconto di fantascienza Sognare un sogno dove si sogna la realtà (in NASF 2017); il racconto La settimana della verità (in Costituzioni Future, Edizioni Della Vigna, 2018). Per i cinquant’anni dallo sbarco sulla Luna ha scritto un breve testimonianza dell’evento, Ricordo che (in Luna 69-19, Bravi Autori, 2019). Nel 2020 sono usciti due racconti di fantascienza, “Libero Arbitrio” (in “Inchiostro”, GEDI), “Affinità Elettive” (in “Dimensione Cosmica”, Edizioni Tabula fati) e il romanzo di fantascienza umoristica Spacefood (Tabula fati). Il racconto Ippocrate è ambientato nel contesto del romanzo Spacefood.

Giulia Massini

Nasce a Fabriano e vive a Bologna. Studiosa di letteratura fantastica, nel 2010 consegue il Dottorato in Italianistica all’Università di Bologna, dalla cui tesi è stata tratta la monografia La poetica di Rodari (Carocci, 2011). Un lungo saggio, pubblicato sul blog Le parole e le cose nel 2018, è stato tratto dal suo lavoro critico sulla letteratura post apocalittica, che oggi è oggetto di tesi per la seconda laurea in Scienze Filosofiche, in via di conseguimento all’Università di Padova. Narratrice, nel 1997 vince il premio Campiello Giovani Marche con il suo primo romanzo breve L’amore verrà. Nel 2018 vince il Premio Hypnos con il racconto “La colonia”, pubblicato nella rivista “Hypnos” n. 8. Nel 2019 si classifica terza con il racconto “Il selezionatore”, presente nell’antologia Strane Visioni 2 (Hypnos). Il romanzo d’esordio Le voci sotto (Pendragon, 2004), si classifica come migliore opera prima al Premio Frignano nel 2005; ha inoltre pubblicato: il romanzo weird Il posto che chiami casa (Affinità Elettive, 2010); il romanzo fantasy per ragazzi La terra sul filo di seta (Tabula fati, 2019). Il racconto Yako – L’era del morbo fa parte del mondo narrativo de La terra sul filo di seta.

Emiliano Mecati e Alessio Seganti

Il primo nasce a Lugo nel 1973. Diplomato in Agraria e successivamente all’Istituto per geometri, è stato progettista nell’ambito di opere pubbliche di rilevo, quali l’Alta Velocità. Attualmente svolge la professione di tecnico presso un’azienda che opera nell’innovazione e costruzione di oscuranti. Il secondo nasce a Bologna nel 1974. Laureato in Fisica delle particelle elementari all’Università di Bologna con una tesi in fisica svolta presso il CERN di Ginevra, ha lavorato in una multinazionale dell’informatica per cinque anni, per poi approdare all’insegnamento. Oggi insegna fisica nelle classi del secondo biennio e del quinto anno del liceo scientifico. Si occupa di progetti di robotica e nanotecnologie, di tecnologie applicate alla didattica e di insegnamento in lingua inglese. Entrambi gli autori hanno scritto diversi scenari per giochi di ruolo fra cui la finale del Campionato Nazionale GDR del 2008. Hanno pubblicato i romanzi Out of Life (2017) e Karma Avverso (Tabula fati, 2018). Il racconto Il destino di Jast Island è ambientato nel contesto del romanzo Karma Avverso.

Carlo Menzinger di Preussenthal

Nato a Roma nel 1964, vive a Firenze, dove lavora nel project finance. Ha pubblicato il romanzo Il Colombo divergente (Liberodiscrivere, 2001 e 2007); il thriller Ansia assassina (Liberodiscrivere, 2007); il romanzo Giovanna e l’angelo (Liberodiscrivere, 2007); il romanzo Il Settimo Plenilunio (Liberodiscrivere, 2010); i romanzi del ciclo Jacopo Flammer e i Guardiani dell’Ucronia (Liberodiscrivere, 2010, e Lulu, 2013); il thriller La bambina dei sogni (Lulu, 2012); i romanzi della saga Via da Sparta: Il sogno del ragno (Porto Seguro, 2017), Il regno del ragno (Porto Seguro, 2018), e La figlia del ragno (Porto Seguro, 2019); l’antologia di racconti distopici Apocalissi fiorentine (Tabula fati, 2019). Ha curato alcune antologie, tra cui Ucronie per il terzo millennio (Liberodiscrivere, 2007); ha partecipato ad altre e pubblicato su riviste e siti web, tra cui di recente “Progettando.Ing”, “Prospettive.Ing”, “IF – Insolito e Fantastico” e “L’Italia, l’Uomo, l’Ambiente”. Il racconto Supposte ucroniche fa riferimento ad Apocalissi fiorentine e a varie altre opere.

Sandra Moretti

Nasce a La Spezia nel 1979, di professione psicologa e psicoterapeuta dell’età evolutiva. Dal 2016 scrive romanzi e racconti di vario genere, in primis di fantascienza. Ha pubblicato i romanzi L’isola di Heta (Tabula fati, 2016), L’isola di Heta – Diversi mondi (Tabula fati, 2018) e L’isola di Heta – Fuoco amico 1 (Tabula fati, 2021). Il racconto Anno 2820: la grande pandemia è ambientato nel contesto dei romanzi della saga de L’isola di Heta.

Annarita Stella Petrino

Nasce a Giulianova. Insegnante di Scuola Primaria, moglie e madre, scrive fantascienza da quando, a tredici anni, ha incontrato i libri di Isaac Asimov attraverso la lettura del romanzo Destinazione Cervello. Ha pubblicato Ragnatela Dimensionale (Delos Books, 2004), la raccolta di racconti di fantascienza You God (Il Papavero, 2013), la raccolta di racconti di fantascienza Racconti nascosti nei sogni (Il Papavero, 2015), il romanzo breve Immateria, al di là della Matrice (Il Papavero, 2016); il romanzo Quando Borg posò lo sguardo su Eve (Tabula fati, 2019). Ha anche pubblicato diversi racconti su riviste di fantascienza, webzine e siti. Ha inoltre ottenuto alcune distinzioni di merito in concorsi di letteratura fantascientifica e non. Il racconto Il sacrificio è ambientato nel mondo di Quando Borg posò lo sguardo su Eve.

Vittorio Piccirillo

Nasce a Milano nel 1967 e successivamente si trasferisce a Lodi, dove attualmente vive e lavora nel campo dell’informatica. Da sempre ha una spiccata inclinazione per le scienze e per le tecnologie. La fantascienza lo appassiona fin da ragazzo e con orgoglio egli vanta una ricca collezione di libri inerenti al genere, a cui si sono aggiunti in tempi più recenti film e telefilm in videocassetta e DVD. Ha pubblicato per le Edizioni Solfanelli i tre romanzi sci-fi La Nebulosa degli Spettri (2009), La Profezia della Luna Nera (2010) e La Voce della Distruzione (2013), finalista al Premio Vegetti 2015. Ha pubblicato per le Edizioni Tabula fati quattro romanzi: Galassie Perdute – Libro Primo: Innocenza (2017), finalista al Premio Vegetti 2018, Galassie Perdute – Libro Secondo: Coscienza (2019), finalista al Premio Vegetti 2020, Galassie Perdute – Libro Terzo: Privazione (2021) e Legio Accipitris – La Legione del Falco (2019), con testo latino a fronte. Suoi racconti sono presenti nelle antologie Delizie in Punta di Penna (Tabula fati, 2017) e Quando i Sogni Muoiono all’Alba (Tabula fati 2018). Ha inoltre al suo attivo racconti, articoli e interventi, sia online che su varie riviste di genere. Il racconto Un futuro diverso è ambientato nel contesto dei romanzi della saga Galassie Perdute.

Pierfrancesco Prosperi 

Nasce nel 1945 ad Arezzo, dove vive e lavora. Architetto e urbanista, ha iniziato a scrivere giovanissimo, pubblicando il suo primo racconto all’età di quindici anni. È autore di più di centocinquanta racconti pubblicati su riviste, antologie e quotidiani e tradotti anche all’estero. Vincitore di numerosi concorsi letterari, fra cui il Premio Italia di fantascienza (1972 e 1994), ha pubblicato finora oltre trenta romanzi, fra cui: Autocrisi (1971), Seppelliamo re John (1973), Garibaldi a Gettysburg (1993), HH – Hitler’s Hamptons (2012), Vatikan (2012), La demolizione di Auschwitz (2014), Mussolinia (2016), Il processo n. 13 (2018), Il 9 maggio (2019), Vlad 3.0 – I vampiri di Roma (2019), Ritorno a Gettysburg (2020), Venezia nella bolla (2020), Napoleone è morto all’Elba (2 volte) (2020), Annihilation (2020). Importante la “trilogia islamica” dedicata alla nascita di una repubblica coranica in Italia: La Moschea di San Marco (2007), La casa dell’Islam (2009), La terza Moschea (2015), con un quarto volume fuori serie, Bandiera Nera! (2018). Infine, due raccolte di racconti, Le regole del gioco (2011) e Il futuro è passato (2013) e un saggio sulle morti misteriose dei Presidenti americani, La serie maledetta (1980). Ha scritto anche sceneggiati per la radio e ha svolto una intensa attività di soggettista e sceneggiatore di fumetti, realizzando centinaia di storie brevi e lunghe per le maggiori testate italiane: “Topolino”, “Martin Mystère”, “Zona X”, “Diabolik”, “Gordon Link”, “Balboa”, “Tiramolla”, “L’Uomo mascherato”. Per alcuni anni ha tenuto corsi di sceneggiatura per il fumetto presso la Scuola Internazionale di Comics, sede di Firenze. Il racconto Letto 224 ha come personaggio di apertura Stefano Leone, un agente segreto italo-israeliano protagonista di una serie di romanzi di fanta-spionaggio, ed è situato fra la sua terza avventura, Leone: febbre mortale (Mondadori, 2018), dedicata a una devastante epidemia di virus Ebola, che sconvolge contemporaneamente Parigi e lo stato africano del Ruanda, e la sua quarta avventura, Incubo su Lubecca (Tabula fati, 2021), storia di un attentato al G-11, massimo summit mondiale in Germania.

Enrico Zini 

Nasce a Pisa nel 1974. Si laurea nel 2008 in Scienze Politiche presso l’Università di Pisa con una tesi sulla Terza Via di Blair, e consegue nello stesso un Master in comunicazione pubblica e politica presso la facoltà di lettere dello stesso ateneo. Oggi vive a Pisa, dove ha un’edicola. Ha pubblicato i romanzi del ciclo Cronache Hamaxhoni: Esperia, la rivolta (Tabula fati, 2017), finalista al Premio Vegetti 2018; Esperia, la fuga (Tabula fati, 2018), finalista al Premio Italia 2019, e Esperia, le sfide (Tabula fati, 2021). Ha pubblicato i racconti: “Come una dea” (in Antologia Premio Dragut 2017, Edizioni Stravagario, 2017), terzo al Premio Dragut 2017; “La bici Argento” (in I Diari della bicicletta, Tabula fati, 2018); “Virtus Unita Fortior” (in Andiamo in Ucronia, Montegrappa Edizioni, 2018), terzo al Premio Andiamo in Ucronia 2018; “Giorni di Sangue” (in Narragenda 2020, Delmiglio, 2019); “Il Papiro” (in I racconti di Satrampa Zeiros, Hyperborea, 2020), secondo al Concorso Thoth-Amon 2019. Ha inoltre pubblicato alcune poesie nel volume Antologia italiana. Poeti contemporanei (Libroitaliano World, 2006). Il racconto Il Fuoco di Setheos è ambientato nel contesto del romanzo Esperia, la rivolta.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 15 =